Suore Salvatoriane in Südtirol

La nostra attenzione é sempre rivolta alla salvezza dell´uomo

Ciao bambini!

Vi ricordate di me? Sono Sr. Mariadoria e oggi vi vorrei scrivere qualcosa di nuovo sul nostro Re Gesù Cristo.
E' passato tanto tempo da Natale, vero? Sì, ma oggi vi vorrei parlare del Vangelo di domenica che illustra le tentazioni di Cristo. E' veramente interessante.
Mi potreste chiedere, ma come, Gesù, Re, viene tentato?
SÌ, ed è per questo che trovo questo Vangelo molto interessante.
Un Re, anzi, un grande Re come Gesù Cristo, deve essere una persona forte. Il Re non si deve lasciare incantare dalle proposte del mondo e della società che parlano di ricchezze, prevalere sugli altri, potere, mancanza di disponibilità verso gli altri, mancanza di responsabilità verso il lavoro. Queste proposte della società sono aspetti molto belli della vita, sembrano essere importantissimi ma non servono a niente e perciò si chiamano tentazioni.
Un Re deve pensare ai poveri, agli ammalati, ai sofferenti, il che non è tanto facile.
Nel brano del Vangelo si parla di Gesù che è stato tentato. Egli ha visto tante cose belle, il potere, tanto da mangiare in un momento in cui aveva fame, poter prendere in giro Dio, che è sbagliatissimo. Ma Gesù, bravo e forte, perché era un Re, ha detto che queste cose non sono importanti. Ciò che è importante è solo la volontà di Dio che ha l'unico desiderio di pensare, a chi? Ai poveri, agli ammalati, ai sofferenti. Ecco chi è un Re: una persona che non si lascia tentare.

Cari bambini, vi sta piacendo questo Re? E' una persona grande? E' una persona brava?
Mi farebbe veramente piacere se voi riusciste a prendere in simpatia questo Re e quando vi farete grandi, se riusciste a rispettarlo e a venerarlo.

Ciao

Alla prossima

Sr. Mariadoria